Libri

“Pensare che non ho preso il massimo all’esame per “colpa” dello scritto di Italiano. Nessuno aveva trovato la strategia didattica esatta per farmi comprendere la sientificità della costruzione linguistica. Ho dovuto imparare da solo. E come i bambini che tardano a camminare poi non mi sono più fermato. Mi piace scrivere, mi piace pitturare con le parole, mi piace fare il contorsionista, l’equilibrista, il trapezista, sempre con le parole. Anche se non solo. Tanti chili di inchiostro che poi sono diventati bytes ma che non hanno cambiato la sostanza delle cose. Racconto e mi racconto. Elaboro parabole filosofiche o teorie politiche. Commento il mondo e le sue cose. Sogno un futuro che tendo ad illustrare e tracciare. E ora ho dove racchiuderlo. Si prega entrare in silenzio per non svegliare lo scrittore che sogna.”

Fili stesi sull'acqua grigia - Il libro di Vittorio Sanna

FILI STESI SULL’ACQUA GRIGIA

FILI STESI SULL’ACQUA GRIGIA (42 poesie) Solter – (Dicembre 2000)

il-viaggio

IL VIAGGIO

IL VIAGGIO Gruppo Misto Edizioni – (Novembre 2003) Personaggi appena abbozzati che si affacciano alle mille frontiere della vita, che hanno lasciato solo piccoli indizi, diventati spunti per un racconto […]